Rubriche - IN ORTO

In primo piano

Da non perdere

Bonduelle
La nostra passione, la tua ispirazione.

fricandeau_ricetta

 

La cucina valdostana è caratterizzata da piatti ricchi, saporiti e caldi, adatti al clima alpino.

Fondamentale l’uso di formaggio e polenta, mentre la carne è spesso cucinata seguendo l’influsso della vicina Francia come nella carbonade e nel fricandeau. Quest’ultimo è una ricetta di carne che in Val d’Aosta si prepara con vitello o manzo a cubotti, invece che a pezzo intero come in altre parti d’Italia. Il termine deriva proprio dal francese: indica fricassée de viande de veau, ovvero pentola di carne di vitello, poi contratto in fric-ande-au.

Quel che insaporisce e caratterizza il piatto sono la cipolla, il vino bianco, il rosmarino; mentre a volte sono aggiunti altri aromi ed altre erbette. Il sughetto di cottura è perfetto per insaporire la polenta.

 

 Ingredienti per 2 persone:

– 350 g di polpa di manzo a cubotti

– 750 ml di brodo vegetale

– 1 bicchiere di vino bianco secco

– qb farina per infarinare i pezzetti di carne

– mezza cipolla

– 1 spicchio d’aglio

– 1 rametto di rosmarino

– 1 foglia di alloro

– 5-6 bacche di ginepro schiacciate

– 1 scatola di Trivoglio Bonduelle

– olio extravergine d’oliva

– sale

– pepe nero

– polenta (per accompagnare)

 

fricandeau_ingredienti

 

Riscaldare il brodo.

Rosolare in quattro cucchiai d’olio la cipolla tagliata finemente e l’aglio appena schiacciato sul tagliere. Infarinare leggermente la carne, scuotendo la farina in eccesso, e farla rosolare in pentola, rigirando delicatamente con due cucchiai. Sfumare con il vino bianco, a fuoco vivace, poi aggiungere gli aromi e un paio di mestoli di brodo.

Far proseguire la cottura per circa venti minuti, nel frattempo preparare la polenta. Quando quest’ultima è quasi pronta, aggiungere in pentola le verdure del Trivoglio e far insaporire insieme per 3 minuti. Regolare carne e verdure di sale, se occorre, e pepe.

Servire subito con l’accompagnamento di polenta semplicemente condita con una nocciolina di burro.

 

alessandra giovanile

Ricette di cultura
“Impasto e inforno, friggo, trito e taglio, salto e condisco…e la cucina è il posto dove proprio non riesco a stare ferma. I miei piatti sono una coccola per il cuore e lo stomaco, ma anche il pretesto per scoprire e raccontare la tradizione a tavola. Le mie ricette non sono sempre veloci, ma di sicuro godimento per il palato.”

 

 

COMMENTI (0)

*

Scatena la tua fantasia, non solo in cucina!

Il tuo tocco

Scopri chi sono le nostre blogger

Il team Cook&Blog

Le migliori ricette con i Piselli Naturalmente Dolci

Le vostre ricette

Cook&Blog: natura e attività fisica sono sani alleati

Verdure e Sport

Cook&Blog: come ti invento il pasto fuori casa

Schiscetta Creativa

Cook&Blog: un piatto per ogni regione

Il Buono della Tradizione

Cook&Blog: la verdura è di casa

Cucina di Famiglia

Cook&Blog: Il sorriso vien mangiando

Bambini e Verdure