Rubriche - IN ORTO

In primo piano

Da non perdere

Bonduelle
La nostra passione, la tua ispirazione.

Jota_Ricetta

 

Il nome di questa zuppa caratteristica ha origine da una parola celtica Jut che significava zuppa.

Gli ingredienti principali richiamano fortemente la cucina dell’est europeo: i crauti, cavolo cappuccio fermentato, i fagioli, le patate e la carne di maiale, in forma di salsiccia, piedini, musetto o pancetta.

La Jota è conosciuta e diffusa in tutto il Friuli, ma solo a Trieste era considerata un cibo da ricchi; nel resto della regione era un piatto quotidiano e di poco pregio. Curiosamente non varcò mai il confine a nord ed è completamente sconosciuta in Austria.

Le numerose varianti prevedono l’aggiunta di orzo e mais al posto di una parte dei fagioli, oppure sostituiscono i crauti con la brovada, la rapa fresca fatta macerare nella feccia di vino, o prevedono l’inspessimento del brodo con farina da polenta.

 

Ingredienti per 2 persone:

– 200 g di crauti

– 150 g di fagioli Borlotti cotti al vapore Bonduelle

– 1 patata media

– 100 g di salsiccia fresca

– 1 foglia di lauro

– 1 pizzico di cumino

– 2 spicchi d’aglio

– 1 bicchiere di brodo vegetale (all’occorrenza)

– sale

– pepe

– olio extravergine d’oliva

– 1 cucchiaio di farina

 

Jota_Ingredienti

 

Lessare la patata, sbucciarla e ridurla in purea.

In una pentola far rosolare gli spicchi d’aglio in due cucchiai d’olio. Aggiungere la salsiccia a pezzi e farla dorare leggermente. Togliere aglio e salsiccia e aggiungere i crauti. Coprire d’acqua e portare ad ebollizione, regolare di sale, pepe e cumino; poi far cuocere per mezz’ora circa.

A questo punto aggiungere i fagioli Borlotti cotti al vapore Bonduelle con la salsiccia rosolata in precedenza e la foglia di lauro e far insaporire aggiungendo, se la zuppa si fosse asciugata troppo, il brodo vegetale.

Infine, aggiungere la purea di patata e mescolare bene.

In una padella stemperare il cucchiaio di farina in due cucchiai d’olio con l’aglio rosolato in precedenza e schiacciato. Aggiungere questa salsina alla zuppa e mescolare bene.

Lasciar riposare la Jota per amalgamare tutti i sapori. Riscaldare al momento di servire accompagnandola con crostini di pane.

 

alessandra giovanile

Ricette di cultura
“Impasto e inforno, friggo, trito e taglio, salto e condisco…e la cucina è il posto dove proprio non riesco a stare ferma. I miei piatti sono una coccola per il cuore e lo stomaco, ma anche il pretesto per scoprire e raccontare la tradizione a tavola. Le mie ricette non sono sempre veloci, ma di sicuro godimento per il palato.”

 

 

COMMENTI (1)

*

  1. maurizio

    a trieste è stata considerato un piatto ‘per ricchi’
    da quando le furlane che venivano a fare servizi a Trieste
    hanno cominciato a portarsi il pentolino della trasferta
    con la jota fatta con fagioli Bonduelle

    a Trieste, la jota si è sempre fatta e si farà con fagioli freschi o secchi
    ps. i ricchi si potevano permettere ben altro …
    anche se la domenica usavano andare a pranzo in locali
    caratteristici del contado friulano

Scatena la tua fantasia, non solo in cucina!

Il tuo tocco

Scopri chi sono le nostre blogger

Il team Cook&Blog

Le migliori ricette con i Piselli Naturalmente Dolci

Le vostre ricette

Cook&Blog: natura e attività fisica sono sani alleati

Verdure e Sport

Cook&Blog: come ti invento il pasto fuori casa

Schiscetta Creativa

Cook&Blog: un piatto per ogni regione

Il Buono della Tradizione

Cook&Blog: la verdura è di casa

Cucina di Famiglia

Cook&Blog: Il sorriso vien mangiando

Bambini e Verdure