Rubriche - IN ORTO

In primo piano

Da non perdere

Bonduelle
La nostra passione, la tua ispirazione.

Catania, via San Giovanni Li Cuti 69  

www.cutilisci.it - cutilisci@hotmail.it - Tel. 095372558  

Aperto
SEMPRE

Chiuso
MARTEDì A PRANZO

Prezzo Medio
35 € bevande escluse

Carte di credito
AE, CSì, Visa, MC, POS

7 Novembre 2013

Ristorante tipico siciliano Catania - CutilisciPizzeria e cucina naturale. Un sottotitolo che parla da solo, per questo luogo votato al mangiar sano, e bene, ovviamente. Ai fornelli si lavora con rigore sui prodotti di stagione, e con tante verdure della zona. Filetto di spatola panato con tortino di zucchine e patate, tortelli di timilia (un grano antico) con ripieno di spinaci e provola dei Nebrodi saltati al burro nocciola, cous cous di verdure su vellutata di broccoletti e zucca. Spazio estivo sul porticciolo, vista mare.

Ricetta “Mezze maniche (pasta di Gragnano “Gentile”) alla catanese”

Ricetta Mezze maniche alla catanese  con pasta di Gragnano Gentile

Ingredienti per la salsa catanese:

filetti di alici fresche
aglio
uva passa
pinoli
finocchietto fresco
olio extravergine d’oliva
peperoncino
salsa di pomodoro
mollica tostata

 

Preparazione

Ammollare l’uva passa in acqua calda.

Far rosolare leggermente l’aglio schiacciato in padella, quindi eliminarlo. Mettere i filetti d’alici e farli cuocere a fiamma viva per qualche secondo. Aggiungere i pinoli e l’uva passa e allungare con poca acqua. Macchiare il composto con poca salsa di pomodoro fresco, correggere di sale e pepe e aggiungere un pizzico di peperoncino.

Lessare la pasta al dente, e porla nella padella con la salsa precedentemente preparata. Insaporire il tutto spadellando energicamente. Lontano dal fuoco, aggiungere il finocchietto fresco tritato finemente. Servire la pasta con della mollica tostata.

 

 

Ricetta “Pappardelle di Timilia* al pesto di pistacchio”

 

Ingredienti per 500 g di pasta

 

Per la pasta:

300 g di farina di Timilia

200 g di farina “00”

3 tuorli

5 uova intere

un cucchiaio di olio extravergine d’oliva

 

Preparazione

Miscelare le due farine in modo omogeneo, quindi disporle a fontana. Al centro porre l’olio, i tuorli e le uova intere. Amalgamare in modo concentrico, incorporando lentamente la farina della fontana, e lavorare energicamente il tutto sino ad ottenere una pasta omogenea compatta e soda. Porre la pasta in un contenitore, coperta da un canovaccio e farla riposare per 3 ore a temperatura ambiente in un posto non troppo ventilato, a riparo di umidità e calore.

Quindi stendere la pasta a spessore di 1/2 cm e tagliare a strisce lunghe 30 cm circa. Arrotolare a matassa e fare asciugare per mezz’ora.

*Timilia è una farina di frumento dura autoctona siciliana

 

Per il pesto di pistacchio:

basilico

rucola

olio extravergine d’oliva

aglio (poco)

sale

pepe

Grana Padano

pistacchio intero sgusciato

 

Preparazione

Sbollentare le foglie di basilico per pochi secondi in acqua calda, scolarle immediatamente e raffreddarle in acqua e ghiaccio. In un mixer da cucina, porre il basilico, l’aglio schiacciato, la rucola e l’olio, e lavorare il tutto. Quindi, incorporare a bassa velocità il pistacchio intero sgusciato, il Grana Padano, sale, pepe e il restante olio d’oliva. Aumentare la velocità di rotazione del mixer, aggiungere qualche cubetto di ghiaccio. Il composto deve risultare omogeneo e spumoso.

 

Lessare la pasta al dente, scolarla e metterla in padella nella quale è stato fatto intiepidire il pesto di pistacchio. Saltarla energicamente, quindi impiattare. Servire la preparazione con scaglie di Ragusano DOP e granella di pistacchio.

Conosci un ristorante?

Invia la tua recensione

Verdure al ristorante

Guida ai ristoranti della buona verdura

Gardenia

In una deliziosa casa di campagna, un ristorante “potager” con un magnifico orto curato da Vittorio, espertissimo e appassionato “contadino”, che cura anche un…

PRODOTTI