1. >Veggie passion
  2. >Come fare il compost per il tuo giardino

Riduci gli sprechi, rispetta la natura e crea il tuo fertilizzante naturale con i nostri consigli!

 

Fare il compost con o senza giardino

Per chi ha il giardino, il compost può essere fatto in un semplice contenitore. L’ideale è un contenitore piuttosto grande da poggiare direttamente sul pavimento, idealmente in una zona ombreggiata e al riparo dal vento.

Se invece vivi in città e non hai un giardino, puoi tenere il compost all’interno, per esempio sotto al lavandino o all’esterno sul balcone. Il compost si realizza con gli scarti alimentari, grazie all’aiuto di insetti che li decompongono. Fai attenzione a tenerlo al riparo dal sole e da temperature troppo rigide. Solitamente è fatto da più strati e puoi alimentarlo facilmente.

 

Cosa mettere e cosa evitare in un compost?

Per funzionare bene, un compost da giardino o un vermicompost necessita di un giusto bilanciamento tra rifiuti umidi (bucce, erbacce) e secchi (foglie secche, segatura, cartone…). Più vario è, meglio è! I rifiuti possono provenire dalla cucina, dalla casa o dal giardino a seconda del compost che vogliamo preparare.

 

Entrambi I compost possono avere i seguenti rifiuti:

Bucce e gambi, frutta e verdure, pasta, riso e altri cereali, caffè in polvere usato, bustine di te, gusci di uova e noci. Ricordati di tagliare le cose che sono troppo dure o grosse, come la pelle del cocomero o il torsolo delle mele. Oltre agli scarti alimentari, puoi utilizzare anche i tovaglioli di carta, cartone marrone, scatole delle uova tagliate a pezzettini.

 

Cosa non utilizzare:

Cibo di origine animale (carne, pesce, formaggio), qualunque tipo di grassi e pane.

Anche le riviste, carta colorata, lettiera del gatto, vetro, metallo, buste di plastica (anche quelle compostabili), polvere e tessuti sono da evitare.

 

La differenza tra il compost da giardino e il vermicompost

Solo il compost esterno può contenere rifiuti da giardino: foglie morte, paglia, erbe essiccate, fiori secchi, segatura, rifilature di siepi e steli duri, trucioli... Tuttavia evita rifiuti troppo grandi, duri, piante malate ed erbacce con cereali, sabbia.

Per il vermicompost invece non vanno bene alcuni rifiuti provenienti dalla cucina, che invece possono andare in quello all'aperto, ossia: agrumi, aglio, cipolla, scalogno, porro, carciofo, asparagi, rabarbaro, melograno.

 

Per tanti altri consigli e approfondimenti scopri il nostro blog dedicato all’orto: https://www.inorto.org/

Unisciti a noi