Rubriche - IN ORTO

In primo piano

Da non perdere

Bonduelle
La nostra passione, la tua ispirazione.
Fagiolino

I fagiolini appartengono alla specie Phaseolus vulgaris e sono fagioli “mangiatutto” dei quali viene consumato previa cottura il baccello immaturo.

Esistono diverse tipologie:

  • Boby, dal baccello verde intenso, lungo, a forma tendenzialmente cilindrica, è la tipologia maggiormente diffusa. Esistono linee nane e rampicanti e si possono distinguere in base alla larghezza massima dei baccelli in tre classi:
-molto fini (larghezza non superiore a 6 mm)
-fini  (larghezza non superiore a 8 mm)
-medi (larghezza non superiore a 9 mm);
  • Cornetti, il cui baccello ha sezione cilindrica ma è curvo, possono essere sia verdi che gialli.
  • Piatti, dalla forma piatta del baccello molto caratteristica. Appartiene a questa tipologia il fagiolo “Meraviglia di Venezia”di colore giallo, molto apprezzato per il gusto delicato, e il fagiolino “Marconi” così chiamato in onore dell’inventore del telegrafo in quanto privo di “fili”, caratteristica molto apprezzata dai consumatori.

In Italia viene coltivato principalmente in Emilia Romagna, Veneto, Lazio, Piemonte e Sicilia.

I fagiolini sono molto poco calorici e sono fonte delle fibre necessarie a garantire un transito intestinale normale. Contengono soprattutto la vitamina C, ottimo antiossidante indispensabile per proteggere i tessuti connettivi, e la vitamina B9, necessaria per la crescita e la riproduzione cellulare.

Per queste loro caratteristiche sono altamente raccomandate alle donne che desiderano avere un figlio, ai bambini e a tutti coloro il cui organismo è sottoposto a un alto rinnovamento cellulare (crescita, convalescenza, ecc.).

I fagiolini migliori sono quelli giovani, in quanto sono teneri e privi di filamenti laterali. Per assicurarvi che siano buoni controllate che la loro consistenza sia soda, ma morbida: infatti, se spezzati, devono rompersi di netto e produrre un rumore secco.

Perfetti per le diete, possono anche essere un ingrediente di sapore in piatti gustosi come lo sformato di patate. Fate lessare le patate e schiacciatele ancora calde in una ciotola. Lessate poi i fagiolini per 10 minuti in acqua bollente. Soffriggete della cipolla tagliata a fette in una padella con due cucchiai d’olio, unite i fagiolini e fateli insaporire. Mettete fagiolini e cipolle nella ciotola con le patate, incorporatevi delle uova sgusciate, il prezzemolo, l’aglio, il sale e il pepe. Rivestite una pirofila con carta da forno inumidita e spennellata con dell’olio e rovesciatevi all’interno il composto. Fate cuocere in forno per un’ora circa e servitela a fette una volta che si sarà raffreddata. Buono a sapersi, no?

Servizio Consumatori

Numero Verde

800 903 160